Vino, una storia antica come l’uomo

Maggio 20, 2022 0 Comments

 Ägyptischer Maler um 1500 v. Chr. – The Yorck Project (2002) 10.000 Meisterwerke der Malerei (DVD-ROM), distributed by DIRECTMEDIA Publishing GmbH. ISBN3936122202.

Che il vino sia vecchio quanto l’uomo è cosa nota, ma quanto dobbiamo andare indietro per arrivare a stabilire quando sia stata ritrovata la prima traccia del vino. La prova più antica riconducibile alla produzione seriale di vino è stata ritrovata in Armenia nel 4100 a.C dove è stata scoperta quella che è considerata la più antica cantina.

Ma tracce di produzione vinicola non seriale sono anche più antiche come rivelano tracce ritrovate in Cina 7.000 anni a.C. circa, Georgia (6000 a.C ) e Iran (5000 a.C.). Certo a quei tempi non esistevano le bottiglie e nemmeno le etichette per bottiglie, mentre oggi grazie alla stampa online potremmo stampare etichette rimanendo comodamente seduti davanti al nostro computer a casa possiamo personalizzare il nostro vino. Oppure chi lo sa, lo personalizzavano in altro modo. Milioni di anni fa come oggi, però, rimane valido il fatto che il vino è una bevanda alcolica e l’avevano scoperto già i popoli antichi. Tanto che le capacità del vino di alterare lo stato psicofisico erano note in ambito religioso e veniva utilizzato anche a tale scopo.

Sempre a carattere religioso è, ad esempio, l’utilizzo del vino nel rito ebraico e anche nella celebrazione eucaristica con il vino che simboleggia il sangue di Cristo e il sacrifico di quest’ultimo per salvare l’umanità.

Ma il vino nel corso dei secoli è anche diventato un segmento economico sempre più rilevante sul quale, in particolare quelle zone con terreni e clima adatti alla coltivazione dell’uva e alla produzione del vino. In particolare una svolta in tal senso la si ha nel 19esimo secolo quando i passi avanti della scienza e della tecnologia hanno permesso che la viticoltura si adattasse in zone sempre più ampie del globo, aumentando, al contempo, la produzione e la qualità del vino. Che il bacino Mediterraneo sia uno dei più favorevoli alla coltivazione e produzione del vino è cosa nota e confermata dall’alta qualità de vini italiani e francesi. E la storia lo conferma perché più di un milione di anni fa i vitigni in questa zona erano già in crescita sotto forma di “lambrusco spontaneo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.